SEDILE DEI NOBILI

Ubicato in Piazza Ercole.
L'edificio, che fu sede del Sedile dei Nobili, accoglie oggi il Circolo Culturale "Galluppi".
I sedili erano ubicati spesso in prossimitÓ degli ingressi delle cittÓ ed ai Nobili veniva affidata la custodia delle porte.
Dal 1495, come risulta da una pergamena, in Tropea si distingevano i Nobili per stirpe da quelli aggregati che erano chiamati Onorati del popolo.
La nobiltÓ tropeana costituita da Nobili ed Onorati del popolo formava il Gran Sedile, o "Sedile Magnum", che, al "suono della campana grande", si riuniva nella Chiesa di S. Maddalena o di S. Maria della Raccomandata, per discutere i problemi di carta e dell'UniversitÓ di Tropea.
L'amministrazione dell'UniversitÓ cre˛ conflitti che portarono il 12 agosto del 1567, di comune accordo, alla separazione dei due ceti, dei Nobili e degli Onorati.
L'1 giugno del 1703, i due ceti si riunirono in assemblea e deliberarono la nuova elezione dei due sedili: uno per i Nobili, da chiamarsi Portercole, l'altro degli Onorati, da chiamarsi Africano.
Dall'atto notarile del notaio Antonio Scrugli del 14 agosto del 1703 risulta che il Sedile Portercole doveva erigersi nella casa della Regia Bagliva, e precisamente nel piano delle Fontane ad esso attaccate. La Bagliva era una magistratura nel periodo Normanno (XI-XII sec.) con cortei sovrani, poi ridotta dagli Angioini alla sola giustizia (XIII-XV sec.).
Il Sedile dopo il 1703 ebbe uno stemma, che si trova ancora oggi murato nella facciata. Nel loggiato coperto, nel 1704, venivano dipinte le insegne delle famiglie nobili che furono poi eliminate nel 1806 sotto la dominazione francese per opera del Generale Colletta.
Nel 1800 il sedile fu chiuso, quando furono aboliti i sedili del regno e venne riaperto nel 1804 per diventare sede dell'amministrazione della cittÓ nel marzo 1806.
Fu restaurato nel 1810 per ricevere Gioacchino Murat.
fino al 1867 il Sedile fu sede dell'amministrazione cittadina, rimase poi abbandonato fino al 1892, quando fu concesso per luogo di riunione e di lettura. Nel 1892 gli venne sovrapposta la torre campanaria con orologio.